Hai già un profilo?

Scegli la tua tipologia d’iscrizione

Parlaci di te, così potremmo indirizzarti al meglio.

Sono compagno di un gatto/cane

Se acquisti prodotti Almo Nature e/o supporti i progetti della Fondazione Capellino, questo è il tuo accesso personale.

Sono un partner commerciale

Se lavori per un negozio, una clinica veterinaria o rappresenti un altro partner commerciale di Almo Nature, è qui che ti diamo il benvenuto.

Voglio unirmi al progetto in qualità di organizzazione

Se fai parte di una ONLUS, una NON-ONLUS o di un’amministrazione locale che intende aderire al progetto "A Companion Animal Is For Life", vai qui.

Non hai ancora un account?

Utilizza il codice che hai ricevuto per cambiare la password

Inserisci il codice di verifica presente nell’email che hai ricevuto e poi crea una nuova password

Reimposta la password

Inserisci l'indirizzo email associato al tuo account e ti invieremo un link per reimpostare la password.

You did it!

Password successfully restored

Cambia password temporanea

La password deve contenere almeno un numero (0-9), un carattere speciale ($, &, #, @, !, *), un carattere maiuscolo (A-Z) e uno minuscolo (a-z)

Il gatto e la natura selvatica: la verità dal DNA

Spesso in vena di coccole, sollecito nella richiesta di cibo e all’occorrenza sulla difensiva, il gatto comune è a tutti gli effetti un animale domestico. Eppure, il più innocuo dei felini che da millenni vive in compagnia dell’uomo  continua ad avere una speciale risorsa ignota ai più: la sua natura selvatica. A svelare questo importante aspetto legato all’evoluzione del gatto, dallo stato selvaggio alla domesticazione vera e propria, è lo studio del suo DNA.

Gli influssi dell’uomo sull’evoluzione del gatto

 Per capire come e quanto la vicinanza con l’uomo ha inciso sulla natura del gatto è stato necessario fare un confronto tra il genoma di sette razze di gatto domestico e due di gatto selvatico. Le parti di DNA risultate differenti in tale comparazione  non a caso sono responsabili di caratteristiche del comportamento connesse alla paura, alla capacità di rispondere agli stimoli e alla attitudine a dosare l’aggressività: in una parola alla  natura selvatica. Stando alla ricostruzione del genetista Wesley Warren,  a capo della ricerca i cui risultati sono stati pubblicati su Proceedings of the National Academy of Science, tali caratteristiche proprie del Felis silvestris hanno subito questo  cambiamento nel corso dei 9000 anni di convivenza con l’uomo. Quest’ultimo, infatti, ne ha acquistato la fiducia traendone al contempo vantaggi veri e propri come l’eliminazione dei topi in cambio di cibo e cura per il felino. Proprio questa sorta di compromesso tra i due sarebbe stata la vera molla del cambiamento evolutivo di queste affascinanti creature.

La persistenza dell’indole selvatica

Eppure, nonostante la modifica genetica influenzata dalla domesticazione umana, il gatto resta pur sempre un felino con le sue peculiarità selvatiche tanto da poter essere considerato quasi semi-addomesticato stando alle dichiarazioni del professor Warren: ‘Crediamo che aver creato la prima evidenza preliminare che raffigura i gatti domestici non così lontani dalle popolazioni selvatiche’. Attenzione, dunque, alle mosse dei nostri gatti: in loro, seppur sopita, resta parte di una natura tanto misteriosa quanto selvaggia

Related posts

Seleziona la modalità di iscrizione

Sei già iscritto

Benvenuto nella comunità!

La nostra prima e-mail è già in arrivo. Speriamo sia di tuo gradimento.

Un'altra cosa

Saremmo lieti di sapere qualcosa di più su di te – per fornirti le informazioni più pertinenti. Per favore, rispondi ad alcune semplici domande:

Qual è il tuo animale da compagnia?

Quanti anni hanno i tuoi compagni animali?

  • Cane
  • Gatto

In che zona vivi?

Oh, hai un gatto e un cane! Bene, già ci piaci :)

Grazie per esserti iscritto! E porta i nostri saluti al tuo gatto :)

Grazie per esserti iscritto! E porta i nostri saluti al tuo cane :)

Ehi, è così bello averti qui con noi :) Grazie per esserti iscritto!

Per favore, se hai qualche opinione sui prodotti Almo Nature per gatti o cani (o entrambi!) o riguardo ai progetti della Fondazione Capellino, condividili con noi — — siamo sempre lieti di confrontarci con chi è interessato e partecipe. Speriamo di rivederti presto!

Questo sito utilizza cookie tecnici per facilitare la navigazione, cookie di analisi raccogliere dati aggregati, cookie volti a garantire la funzionalità dei social media e di terze parti cookie per offrire servizi e funzionalità aggiuntivi agli utenti. Se vuoi saperne di più o ritirare il tuo consenso a tutti o ad alcuni cookie, vedere il Politica dei cookie.

Cliccando sul pulsante specifico, chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina web o continuando a navigare in qualsiasi altro modo, accetti l'uso dei cookie.