Gatti più indipendenti dei cani?

Gatti più indipendenti dei cani? Recentemente abbiamo chiesto alla dottoressa Maria Grazia Calore di far luce sul presunto opportunismo del felino domestico che spicca piuttosto per indipendenza nella scelta di ambienti e amici umani con cui instaura un legame di tipo relazionale. A questo proposito arriva un nuovo studio che farà discutere i cat lovers aggiungendo un tassello in più all’idea che abbiamo del felino: non avrebbe bisogno di noi per sentirsi al sicuro e in nostra assenza soffrirebbe decisamente meno di Fido.

 

Lo studio sull’attaccamento dei felini ai padroni

Il team dell’Università di Lincoln guidato dal professore Daniel Mills ha sottoposto 20 coppie di gatto e padrone all’Ainsworth Strange Situation Test (SST), utilizzato per determinare l’attaccamento di cani o bambini a chi per primo si prende cura di loro. Per i cani, influenzati dalla loro natura sociale, questi soggetti costituiscono un punto di riferimento ma lo stesso non varrebbe per i gatti più indipendenti. I mici sono stati condotti in ambienti sconosciuti in compagnia del loro proprietario e anche da soli per studiarne di volta in volta le reazioni e carpirne eventuali segnali di stress: ‘Abbiamo notato che i gatti tendono a far sentire di più la loro voce quando è presente il padrone rispetto a quando si trovano con uno sconosciuto ma, a parte questo, non abbiamo trovato altri indizi che possano far pensare ad un attaccamento particolare al padrone’. Secondo il gruppo di ricercatori i versi fatti dai gatti quando ci congediamo da loro non sarebbero indice di sofferenza ma semplicemente di noia e frustrazione, sensazioni ben lontane dall’ansia da separazione che affligge i cani.

 

I gatti lontano dal padrone: il loro punto di vista

Il campione della ricerca – 20 gatti – può sembrare troppo esiguo per escludere a priori ansia da separazione o sentimenti di sofferenza del gatto al momento del distacco. Molti padroni di gatti potranno raccontarci segnali di gioia o disagio ora connessi al distacco ora al ricongiungimento, ma i gatti più indipendenti per eccellenza cosa fanno esattamente quando non ci siamo e soprattutto come avvertono la solitudine in appartamento o in giardino? Il web ci offre parecchio materiale a questo proposito con i video che ne riprendono le gesta nella solitudine domestica. Per esempio, gli autori del filmato in basso hanno posto una videocamera go pro che ne riprende l’attività.

Le conferme sul comportamento del pet sono numerose – passione per i giochi o spiccata natura selvatica – ma stabilire un’unica reazione universale al distacco dal padrone sembra ancora difficile. E voi, che avete scelto questo felino come compagno di avventure, che ne pensate?