Hai già un profilo?

Scegli la tua tipologia d’iscrizione

Parlaci di te, così potremmo indirizzarti al meglio.

Sono compagno di un gatto/cane

Se acquisti prodotti Almo Nature e/o supporti i progetti della Fondazione Capellino, questo è il tuo accesso personale.

Sono un partner commerciale

Se lavori per un negozio, una clinica veterinaria o rappresenti un altro partner commerciale di Almo Nature, è qui che ti diamo il benvenuto.

Voglio unirmi al progetto in qualità di organizzazione

Se fai parte di una ONLUS, una NON-ONLUS o di un’amministrazione locale che intende aderire al progetto "A Companion Animal Is For Life", vai qui.

Non hai ancora un account?

Use your code to change the password

Enter the verification code from the email we’ve sent you and create new password.

Reimposta la password

Inserisci l'indirizzo email associato al tuo account e ti invieremo un link per reimpostare la password.

You did it!

Password successfully restored

Cambia password temporanea

La password deve contenere almeno un numero (0-9), un carattere speciale ($, &, #, @, !, *), un carattere maiuscolo (A-Z) e uno minuscolo (a-z)

Animali domestici e padroni: 5 elementi chiave della loro relazione

Table of Contents

Animali domestici e padroni sono protagonisti di una relazione del tutto diversa da quelle instaurate tra umani.  La dottoressa Maria Grazia Calore, medico veterinario esperto in comportamento, ha individuato per noi 5 elementi chiave di questo legame, utili non solo per comprendere la natura di cane e gatto ma anche per interagire con loro nella maniera più proficua possibile.

 

1. Affinità elettive

Gli animali ci “sentono” in modo diverso, captando le nostre informazioni “segrete” dai feromoni emessi dalla pelle. Grazie a questi messaggi di tipo chimico i nostri amici a quattro zampe capiranno se potranno avvicinarsi a noi o se è preferibile stare alla larga.

 

2. Riferimento sociale o alla pari?

All’arrivo in famiglia il cane cercherà spontaneamente di entrare in relazione sociale con i vari componenti del “branco-famiglia” instaurando diversi tipi di rapporti anche in funzione del “ruolo” rivestito ai suoi occhi.

Per il gatto, invece, l’incontro con l’essere umano sfocerà in una relazione simile all’amicizia: ci considererà un suo pari in tutto e per tutto.

 

3. Non solo cibo

Sbagliamo a credere che cani e gatti creino dei rapporti più stretti con chi prepara loro il cibo.

In realtà, per il cane è ugualmente importante il rinforzo sociale: la soddisfazione di fare qualcosa insieme al proprietario per un obiettivo comune, la coccola affettiva di un “bravo!” a volte valgono più di mille bocconcini!

Anche per il gatto non rappresentiamo un mero distributore automatico di croccantini. Anzi, spesso ci giudica così inetti nel cacciare il cibo tanto da “omaggiarci” con delle prede per insegnarci come si fa!

 

4. L’importanza di chiamarsi…Ernesto

Dobbiamo far attenzione, proprio come nel romanzo citato, agli equivoci. Per esempio, quando chiediamo al cane di avvicinarsi non dobbiamo assumere una posizione che possa incutere paura – stare chinati in avanti –  né parlare con un tono arrabbiato o troppo alto.  Sia la postura che la voce gli stanno comunicando che c’è un pericolo mentre con le parole gli chiediamo di avvicinarsi alla minaccia!

Se, invece, in presenza di un gatto ci muoviamo troppo velocemente o se nascondiamo mani o piedi sotto le coperte, questi potrebbe associarci a una preda. Così rispondendo con un rimprovero a un comportamento normale di predazione, rischieremmo di minare la nostra amicizia.

 

5. Questione di…

Rispetto, comprensione, voglia di comunicare. Ecco i tre elementi che, insieme con l’affetto, faranno sì che la relazione con il nostro amico a quattro zampe funzioni.

– Rispetto significa assecondare le esigenze comportamentali proprie della specie: facciamo socializzare i nostri cani, lasciamo che esplorino l’ambiente, annusino, marchino il terreno. Al gatto non imponiamo convivenze “forzate” con altri animali, fornendo aree per giochi e relax.

– Comprensione è cercare di capire che anche gli animali provano emozioni, stati d’animo a volte simili ai nostri, altre volte propri della specie di appartenenza.

– Voglia di comunicare vuol dire sforzarsi di comprendere il loro linguaggio, informandosi, leggendo libri dedicati, fermandosi ad osservare senza pregiudizi. E adattare il nostro linguaggio al loro senza fermarci alle parole, ma accompagnandole con gesti e posizioni coerenti e chiari.

Ne trarremmo beneficio entrambi!

Related posts

Seleziona la modalità di iscrizione

Sei già iscritto

Benvenuto nella comunità!

La nostra prima e-mail è già in arrivo. Speriamo sia di tuo gradimento.

Un'altra cosa

Saremmo lieti di sapere qualcosa di più su di te – per fornirti le informazioni più pertinenti. Per favore, rispondi ad alcune semplici domande:

Qual è il tuo animale da compagnia?

Quanti anni hanno i tuoi compagni animali?

  • Cane
  • Gatto

In che zona vivi?

Oh, hai un gatto e un cane! Bene, già ci piaci :)

Grazie per esserti iscritto! E porta i nostri saluti al tuo gatto :)

Grazie per esserti iscritto! E porta i nostri saluti al tuo cane :)

Ehi, è così bello averti qui con noi :) Grazie per esserti iscritto!

Per favore, se hai qualche opinione sui prodotti Almo Nature per gatti o cani (o entrambi!) o riguardo ai progetti della Fondazione Capellino, condividili con noi — — siamo sempre lieti di confrontarci con chi è interessato e partecipe. Speriamo di rivederti presto!

Questo sito utilizza cookie tecnici per facilitare la navigazione, cookie di analisi raccogliere dati aggregati, cookie volti a garantire la funzionalità dei social media e di terze parti cookie per offrire servizi e funzionalità aggiuntivi agli utenti. Se vuoi saperne di più o ritirare il tuo consenso a tutti o ad alcuni cookie, vedere il Politica dei cookie.

Cliccando sul pulsante specifico, chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina web o continuando a navigare in qualsiasi altro modo, accetti l'uso dei cookie.