Secondo il rapporto “The Economics of Biodiversity: the Dasgupta Review”, dal 1970 ad oggi si è registrato un calo del 70% della biodiversità.

Secondo i dati raccolti dalla Commissione Europea durante gli ultimi 12 anni nei 27 Paesi dell’Unione Europea, dei 231 habitat censiti il 72% è ormai compromesso (tra sfavorevole 40% e gravemente sfavorevole 32%).

 

Le azioni che sosteniamo, in collaborazione con partner specializzati, intendono fermare la distruzione degli habitat naturali terrestri e marini, e ripristinare un’equa distribuzione territoriale rispettosa della fauna selvatica, degli ecosistemi e della biodiversità.

Nel prossimo decennio, destineremo a tali azioni un budget di spesa complessivo di circa € 20.000.000.

LIFE WolfAlps EU

Un progetto europeo che ha come capofila il Parco delle Alpi Marittime, e coinvolge altri 20 enti in Italia, Francia, Austria e Slovenia.
Il Life ha come oggetto il lupo e la sua coesistenza con le attività umane lungo tutto l’arco alpino. La Fondazione Capellino è il primo finanziatore, dopo l’unione Europea, con un budget di €600.000.
Inoltre un accordo integrativo tra il Life e Almo Nature prevede da parte di quest’ultima la fornitura gratuita di crocchette per i cani antiveleno che operano sulle Alpi. Le attività del progetto, a cui la Fondazione Capellino destina il suo contributo, sono:
  • creazione di corridoi ecologici;
  • potenziamento dell’attività delle Squadre Cinofile Antiveleno;
  • monitoraggio della presenza del lupo sulle Alpi;
  • potenziamento delle squadre di supporto alla prevenzione delle predazioni in alpeggio;
  • mitigazione del conflitto tra attività umane e il lupo;
  • spese generali.
Per saperne di più: Life WolfAlps

Il Cane da Guardiania

Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, Monte Falterona e Campigna.
Il progetto, promosso dall’Ente Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, Monte Falterona e Campigna, è finalizzato alla mitigazione del conflitto tra gli allevatori che operano nell’area protetta delle Foreste Casentinesi e il lupo. Tra le attività, è promosso il corretto utilizzo del cane da guardiania come principale strumento di difesa dalle predazioni. La Fondazione Capellino supporta l’Ente Parco attraverso la fornitura gratuita di crocchette Almo Nature, assicurando una razione giornaliera a ciascuno dei cani da guardiania coinvolti nel progetto: dal 2017 sono oltre 24.000 i pasti donati, che corrispondono a circa 12.000kg di alimenti. Per saperne di più: Parco Foreste Casentinesi

Centro Recupero Ricci “La Ninna”

I ricci di bosco sono una specie diventata vulnerabile in Europa. Il Centro Recupero Ricci “La Ninna”
offre cure e rifugio provvisorio in inverno agli esemplari sperduti, malati o feriti – prima di restituirli alla natura in primavera – o permanente a quelli troppo deboli o disabili. La Fondazione Capellino sostiene questo progetto attraverso la donazione di circa 3.000kg crocchette Almo Nature, grazie alle quali ogni giorno possono essere sfamati gli oltre 400 ricci che trovano casa al Centro Recupero Ricci “La Ninna”. Per saperne di più: Centro Recupero Ricci “La Ninna”

Habitat: la geografia degli altri

Realizzato nel 2021 da Lorenzo Colantoni, e finanziato da Fondazione Capellino, “Habitat: la geografia degli altri”
è un documentario di ricerca scientifica che rilegge l’Europa attraverso i suoi habitat naturali, senza i confini della geografia politica e oltre la geografia fisica.

LIFE Natur’Adapt

Il progetto LIFE Natur’Adapt mira a integrare le questioni del cambiamento climatico nella gestione delle aree naturali protette.
Programmato su 5 anni (2018-2023), è coordinato da Reserves Naturelles de France, basato su un processo collettivo, dinamico e fattivo, di sviluppo metodologie/tecniche di protezione con altri 10 partners:
  • EUROPARC;
  • Muséum National d’Histoire Naturelle;
  • Tela Botanica;
  • LPO;
  • Asters – CEN de Haute-Savoie;
  • Fédération des réserves naturelles catalanes;
  • Parc naturel régional du Morvan;
  • Parc naturel régional des Volcans d’Auvergne,
  • Association Petite Camargue Alsacienne;
  • Fondazione Capellino.
Per 18 mesi nel periodo 2019-2020, 6 siti francesi, tra cui Tourbières du Morvan RNR, hanno sperimentato metodologie mirate per gestire i rovinosi cambiamenti climatici. Nel 2021 altri 15 siti hanno testato queste metodologie, migliorandole dai primi feedback. Nel 2023 ciò porterà alla creazione e implementazione di strumenti adeguati per tutti i gestori delle aree naturali europee, nonché una guida metodologica e una piattaforma formativa per lo scambio e l’informazione. Per saperne di più: https://naturadapt.com/

3 aree marine protette in Sardegna

Il ripristino e l’ampliamento delle AMP (Aree Marine Protette) sono importanti azioni per la salvaguardia degli habitat e della
della biodiversità marina. I tre progetti Sardi sottostanti vanno ad intervenire su un cruciale patrimonio ecosistemico:
  1. Capo Carbonara (Villasimius): AMP di 14,360 ettari, prevede la pulizia e il riciclaggio di ALDFG (attrezzi da pesca abbandonati, smarriti o scartati) fonte di inquinamento, e l’ampliamento dell’area protetta (in corso) con Min. Trans.ne Ecologica che la porterebbe a 20,000 ettari. Intervento di €74k, su 2 anni a partire da gennaio 2022. Dr. Fabrizio Atzori Direttore AMP, specializzato in Biologia Marina.
  2. Capo Caccia (Isola Piana): complesso di 100 grotte sommerse con presenza di una biodiversità varia e almeno 5 habitat considerati cruciali e prioritari per l’UE. Proposta incentrata su un intervento diretto di tutela degli habitat marini locali, attraverso l’installazione di quattro linee di ormeggio nell’estrema porzione meridionale del promontorio di Capo Caccia, dove i siti di immersione sono maggiormente concentrati. Intervento di €20K, su 1 anno a partire da gennaio 2022. Dr. Mariano Mariani Direttore AMP, e del Parco Speciale di Porto Conte.
  3. Asinara National Park & Marine Protected Area: si tratta di ampliare il perimetro dell’AMP da 11,000 ettari a 17,000 ettari e migliorare le misure di gestione della pesca locale oltre al recupero dell’habitat e al mantenimento della biodiversità. Intervento di €50K, su 2 anni a partire da gennaio 22. Dr. Vittorio Gazale Direttore AMP, e del Parco Nazionale.
  • Gli interventi sono irreversibili e anche l’ampliamento dell’area protetta.
  • La gestione rimane sotto l’egida dell’AMP/Ente Gestore che fa capo al Ministero della Transizione Ecologia / Ambiente ed Enti locali da cui ricevono contributi proporzionati all’ampiezza.
Per saperne di più: https://www.bluemarinefoundation.com/

Detection dogs in Benin

Progetto condotto da IFAW France (International Fund for Animal Welfare) tra il secondo semestre 2019 e
il primo semestre 2021 nell’ambito della lotta al bracconaggio in Benin. La Fondazione Capellino ha partecipato fornendo, attraverso Almo Nature, circa 12.000kg di crocchette ai cani impegnati nel contrasto ai bracconieri e al contrabbando internazionale di specie esotiche protette. Per saperne di più: https://www.ifaw.org/eu/news/almo-naturefondazione-capellino-partners-with-ifaw-in-benin

CRAS di Genova

A maggio 2021, Fondazione Capellino ha interamente finanziato la seconda parte dell’attrezzatura per i raggi-x per il CRAS (Centro Recupero Animali Selvatici) di Genova.
Questa tecnologia portatile è fondamentale per consentire una diagnosi tempestiva anche all’esterno, evitando di dover trasportare gli animali feriti sino a un ambulatorio o uno studio veterinario. L’intervento è quindi reso più sollecito ed efficace, risparmiando ulteriore sofferenza e stress agli animali selvatici feriti. Per saperne di più: http://www.enpagenova.org/wp/ringraziamenti/

“Sopravvissuti all’Homo Sapiens”

Il cortometraggio, filmato nella primavera del 2021 e presentato in anteprima all’Attraverso Festival di Borghetto Borbera
nel settembre dello stesso anno, racconta la resistenza di specie selvatiche all’espansione della civiltà rurale nell’Appennino Ligure e Piemontese. L’opera è firmata del regista e fotografo naturalista Paolo Rossi, già autore di “Felis – gatto sarvægo”. La Fondazione Capellino ha interamente finanziato la realizzazione del progetto.

Salviamo gli Orsi della Luna

Un’operazione internazionale realizzata a giugno 2020 in collaborazione con l’Associazione “Salviamo gli Orsi della Luna”,
il Ministero dell’Ambiente lituano, l’organizzazione lituana “Gyvunu Teisiu Apsaugos Organizacija” e il Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise. L’operazione ha consentito il trasferimento di tre orsi bruni europei (un maschio di circa 10-15 anni e due femmine, una molto anziana di quasi 30 anni, l’altra di oltre 10 anni) dalla cittadina lituana di Joniskis, dove erano detenuti in gravi condizioni di deprivazione, a Pescasseroli presso il Centro Visite del Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise. Per saperne di più: http://www.parcoabruzzo.it/dettaglio.php?id=60376

Nate Libere – tartarughe Caretta Caretta

La maggior parte delle tartarughe marine è a rischio di estinzione a causa di riscaldamento globale, insediamenti umani,
aumento del livello dei mari, bracconaggio e rifiuti di plastica. Scopo del progetto è stato proteggere la schiusa di tartarughe caretta caretta, in particolare in 8 nidi del Sud Italia. Operazione realizzata tra giugno e settembre 2019, in cui la Fondazione Capellino ha donato dispositivi solari mobili per 3 presidi che hanno permesso ai siti di essere autosufficienti con l’approvvigionamento elettrico, e consentito lo stazionamento fisso di 32 volontari Enpa e altri che hanno monitorato la schiusa di 412 esemplari (con 80% di successo) in n. 5 Comuni tra Salerno e Napoli. Si è unita una campagna di sensibilizzazione nei distretti scolastici e presso le località balneari con raccolta di plastica dalle spiagge, volta ad un atteggiamento più responsabile verso una modalità plastic free. Per saperne di più: http://www.enpa.it/it/68408/cnt/attivita-sezioni/progetto-nate-libere-per-la-tutela-delle-tartarugh.aspx

Farmers & Predators

Nel corso dei 5 anni di attività, tra il 2014 e il 2018, il progetto Farmers&Predators ha coinvolto, grazie alla mediazione di Parchi
Nazionali e Associazioni, oltre 300 allevamenti in tutta Italia e 1.200 cani da guardiania, a cui sono stati donati oltre 450.000 pasti Almo Nature. Tra gli altri, sono stati partners del progetto:
  • DifesAttiva Liguria,
  • Associazione Canis Lupus,
  • Unione Comuni della Garfagnana,
  • Parco Nazionale del Pollino,
  • Associazione ADGP,
  • DifesAttiva Maremma,
  • Parco delle Foreste Casentinesi,
  • Regione Veneto.
Grazie all’esperienza di Farmers&Predators è nato il coinvolgimento di Almo Nature e Fondazione Capellino nei progetti LIFE WolfAlps, promossi dal Parco Alpi Marittime (APAM) a tutela del lupo tra il 2013 e il 2018. Collaborazione che si è estesa poi al progetto europeo LIFE WolfAlps II, tuttora in corso, di cui Fondazione Capellino è il primo finanziatore dopo l’Unione Europea.

Questa è la
Reintegration Economy

Tutto ciò che hai letto in questa pagina è reso possibile dalla Reintegration Economy. Un modello economico nuovo: prevede che la proprietà e il 100% dei ricavi di un’
* da cui sottrarre i costi, gli investimenti e le tasse azienda*
non siano un beneficio per pochi ma a disposizione di tutte le specie viventi e della loro casa comune che è il Pianeta.

Questa azienda è Almo Nature, 100% proprietà della Fondazione Capellino.
Hai un cane o un gatto?
Scopri Almo Nature

Diventa un motore della Reintegration Economy!

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere aggiornamenti sui nostri progetti. Ti invieremo comunicazioni solo quando avremo qualcosa di interessante da dirti.

Benvenuto nella comunità!

La nostra prima e-mail è già in arrivo. Speriamo sia di tuo gradimento.

Un'altra cosa

Saremmo lieti di sapere qualcosa di più su di te – per fornirti le informazioni più pertinenti. Per favore, rispondi ad alcune semplici domande:

Qual è il tuo animale da compagnia?

Quanti anni hanno i tuoi compagni animali?

  • Cane
  • Gatto

In che zona vivi?

Oh, hai un gatto e un cane! Bene, già ci piaci :)

Grazie per esserti iscritto! E porta i nostri saluti al tuo gatto :)

Grazie per esserti iscritto! E porta i nostri saluti al tuo cane :)

Ehi, è così bello averti qui con noi :) Grazie per esserti iscritto!

Per favore, se hai qualche opinione sui prodotti Almo Nature per gatti o cani (o entrambi!) o riguardo ai progetti della Fondazione Capellino, condividili con noi — — siamo sempre lieti di confrontarci con chi è interessato e partecipe. Speriamo di rivederti presto!

Seleziona la modalità di iscrizione

Sei già iscritto