Caro gatto, ti rispetto per quello che sei

Rispettare il gatto ogni giorno, a partire dalla sua alimentazione

La parola “rispetto” deriva dal latino che significa re-spicere, ovvero “guardare di nuovo”. E se decidessimo di guardare il nostro gatto con occhi diversi? Si parla molto dell’importanza nel rispettare gli animali per quello che sono: ma cosa significa davvero questa frase?

Rispettare un animale significa farlo tutto i giorni, a partire dalla sua alimentazione.

Il gatto in natura è considerato un carnivoro stretto. “Carnivoro” significa che la fonte principale dalla quale ricava energia è quella offerta dalle proteine animali. “Stretto” perchè si è filogeneticamente adattato ad utilizzare solo le proteine come carburante per vivere a differenza del cane che, dopo anni di domesticazione e di vicinanza con l’uomo, è diventato un “carnivoro opportunista” ovvero capace di avere una dieta molto più varia.

 

Le caratteristiche che rendono un gatto carnivoro

Nel loro habitat naturale, cosi come nel nostro giardino, i gatti cacciano prede (piccoli roditori, uccelli) che presentano basse quantità di grasso e carboidrati ma altissime quantità di proteine.

La loro dentizione è rimasta inalterata nel corso del tempo ed è tipica di quella di un predatore.

Il suo apparato digerente nelle caratteristiche sia anatomiche che funzionali è particolarmente adatto ad assimilare le proteine di origine animale.

 

Rispetto+qualità= HFC gatto.

E’ fondamentale che l’alimentazione giornaliera rispetti la natura specifica del gatto, che deriva dalla sua evoluzione biologica come predatore.

Ma tutto questo non significa affatto rinunciare alla qualità del suo cibo, anzi.

Per rispettare la sua natura e soddisfare i suoi bisogni nutrizionali, certi di offrirgli sempre la massima qualità possibile, abbiamo creato HFC, la categoria di alimenti preparati con soli ingredienti in origine idonei al consumo umano.

Ne deriva una qualità del prodotto finale altissima, assolutamente unica nel panorama attuale del pet food, grazie alla sola presenza di tagli nobili (petto di pollo, filetto di pesce, ecc), una minima percentuale di riso (1%) e una semplice cottura in brodo. Nient’altro: delizioso e semplice, come se fosse preparato a casa.

Rispettare la natura del gatto è prima di tutto una forma di amore nei suoi confronti, per questo motivo abbiamo deciso di farlo nel migliore dei modi. E negli ingredienti HFC c’è tutto questo: innovazione assoluta, rispetto, qualità e trasparenza.

Perché il gatto sporca fuori dalla cassetta?

Può capitare di scoprire che il nostro gatto abbia sporcato fuori dalla lettiera. È un comportamento eliminatorio inusuale che occorre comprendere per poter aiutare il gatto ed evitare che si ripeta.

 

Ma perché il gatto sporca fuori dalla cassetta ?

Per prima cosa dobbiamo comprendere che non si tratta di un dispetto quanto piuttosto dell’espressione di un disagio.

 

  • • Il disagio può essere di tipo fisico. Causato ad esempio da una cistite o da calcoli in vescica che rendono doloroso fare pipì. In questo caso si rende necessaria una visita dal proprio veterinario e un esame delle urine. Se il micio sporca con le feci potrebbe avere un problema intestinale: visita veterinaria ed esame delle feci sono indispensabili.

 

  • • Il disagio può essere di tipo psicologico. Dovuto a un’associazione della cassetta ad eventi stressanti o negativi: un’aggressione da parte di un altro gatto oppure prelevato per sottoporlo a terapie o a manovre non gradite (pettinarlo, tagliargli le unghie, somministrargli un farmaco ecc).

 

Come risolvere il problema?

In questo, più che in altri casi, occorre richiedere l’aiuto di un esperto in comportamento che, una volta analizzata la situazione, provvederà a darvi i migliori suggerimenti.

Alcuni accorgimenti possono tuttavia già essere applicati sia in caso di eliminazione inappropriata, sia in caso di marcature.
Ecco alcuni consigli pratici:

 

  • • Evitiamo le punizioni: sono inutili se non dannose. Il gatto non capirebbe il motivo per il quale viene punito e andrebbe incontro ad uno stato ansioso che potrebbe addirittura peggiorare il problema.

 

  • • Lasciamo al gatto i suoi riferimenti odorosi: cerchiamo, per quanto possibile, di non pulire con prodotti chimici i mobili per un’altezza di almeno 20 cm da terra in modo da non togliere in continuazione i feromonilasciati dal gatto. Diamogli la possibilità di effettuare marcature graffiando un appropriatissimo tiragraffi. Se infatti vengono meno queste due marcature, il gatto potrebbe iniziare a marcare con urine o feci.

 

  • • Scegliamo i prodotti adeguati: evitiamo l’uso di candeggina o ammoniaca per pulire, entrambe hanno un odore simile a quello dell’urina. Il micio potrebbe interpretarlo come la presenza di un altro gatto e tentare di coprirlo con le sue marcature. Molto meglio usare prodotti “enzimatici”, cioè in grado di eliminare gli odori (si acquistano nei negozi specializzati)

 

  • • Cambiamo tipologia di lettiera o cassetta: il micio potrebbe non gradire la cassetta che gli abbiamo fornito o la sabbia che usiamo. Spesso tendiamo a scegliere sabbiette che emanano profumi o che richiedono, a detta del produttore, poca manutenzione. In realtà altrettanto frequentemente tali scelte non coincidono con i bisogni del nostro gatto che ci segnala il suo disagio non utilizzando la cassetta.

 

Se vuoi sapere di più sulla corretta gestione della lettiera, continua a leggere qui >

 

La nuova lettiera di Almo Nature: provala e non la cambierai più!

La nuova Lettiera di Almo Nature è pensata per rispondere alle esigenze del gatto. È soffice sotto le zampe, con una grana fine e morbida, è ideale per una bella scavatina.

E rispetta anche i desideri di noi umani: grazie a un effetto agglomerante istantaneo imprigiona gli odori e l’urina in superficie. Questo permette di lasciare pulita sia la cassetta, sia la sabbia restante, garantendo assorbimento e pulizia estremi, senza odori.

 

La lettiera di Almo Nature è amica anche dell’ambiente: prodotta con sole fibre vegetali alimentari, è 100% biodegradabile, facile da smaltire (anche nel water!) e conveniente per le nostre tasche perchè una volta creata la base, si consumano solo circa 500g a settimana.

 

Falla provare al tuo gatto: ne sarai entusiasta anche tu!

 

Ringraziamo la Dott.ssa Maria Grazia Calore, Medico Veterinario Esperto in Comportamento, per i consigli comportamentali presenti in questo articolo.
Tuttavia i consigli forniti a distanza non si intendono sostitutivi di una visita comportamentale in presenza.

Lettiera per gatti : la corretta gestione della cassettina

Conoscere il modo migliore per gestire la lettiera per gatti è importante per il loro benessere. E per risolvere eventuali problemi di eliminazione inappropriata.

 

Eliminare: un momento particolare per il gatto

In natura il gatto è sia predatore che preda. Il momento dell’evacuazione rappresenta un momento di estrema vulnerabilità: scegliere dove posizione la lettiera è davvero importante.

Il posto ideale è tranquillo, un po’ isolato, lontano da dove mangia e dove dorme.

Se abbiamo più gatti in casa occorre anche prevedere la possibilità che abbiano bisogno della cassetta nello stesso momento. Ecco perché l’ideale è avere almeno una cassetta per ogni gatto che vive con noi (anche se la regola sarebbe di averne comunque una in più).

 

Aperta o chiusa?

La scelta del tipo di cassettina varia moltissimo in base alle preferenze soggettive del gatto.
La dimensione è invece molto importante perché deve essere adeguata a quella del gatto in modo da consentirgli di starci dentro per tutta la sua lunghezza e di girarsi comodamente.

Se il gatto non è mai stato abituato ad usare una cassetta chiusa è importante, soprattutto in una fase iniziale, togliere lo sportellino che ha sul davanti per facilitargli l’entrata e per evitare che si senta prigioniero all’interno.

 

Quanto e come pulire la lettiera

Benché in commercio vengano vendute lettiere che promettono di durare 21-30 giorni senza essere sostituite, una delle cause più comuni di eliminazione inappropriata è proprio una scarsa cura della lettiera stessa.

La lettiera va pulita tutti i giorni asportando con cura sia le feci, sia l’urina.

A seconda dell’utilizzo della cassetta, la sabbia va ripristinata con un’opportuna aggiunta, almeno 1 volta alla settimana.
Le 4 fasi di pulizia delle lettiera possono così essere rappresentate:

  1. 1. La base
  2. 2. La pulizia quotidiana
  3. 3. Il rabbocco
  4. 4. La pulizia mensile

 

 

Quale tipo di sabbia scegliere?

In commercio esistono moltissime lettiere per gatti. Solitamente si tende a scegliere le lettiere profumate non tenendo conto che il gatto ha un olfatto ben più sviluppato del nostro e che, in alcuni casi, ciò che per noi è un profumo, per il gatto può essere un odore fastidioso.

Anche la grana della lettiera è molto importante. Una sabbia troppo grossa, o addirittura i trucioli che talvolta si trovano in commercio, possano risultare fastidiosi e irritanti sotto le zampe del gatto. Se non proprio la sabbia del mare, che rappresenterebbe il top, la lettiera migliore dovrebbe avere una consistenza il più fine possibile.

Infine, per consentire al gatto di esprimere correttamente il suo comportamento di eliminazione, è fondamentale mettere uno strato di lettiera adeguato all’interno della cassetta, almeno 3cm.

 

Cat Litter: la lettiera che piace ai gatti

La nuova lettiera di Almo Nature è pensata dal punto di vista del gatto. Infatti non si attacca ai polpastrelli né al pelo ed è soffice sotto le zampe. Sarà gradevole per il micio camminarci dentro e scavare.

Cat Litter è pensata anche dal punto di vista umano: agglomerandosi istantaneamente, consente di prevenire la diffusione di cattivi odori. I liquidi restando imprigionati in superficie, lasceranno pulite sia la cassetta, sia la sabbia circostante. La pulizia sarà ancora più semplice e il micio avrà sempre una sensazione di freschezza, come al primo utilizzo.

Ma Cat Litter è amica anche di tutta la famiglia e dall’ambiente. Naturale e atossica, è prodotta con sole fibre vegetali senza alcun additivo.

 

Falla provare al tuo gatto: ne sarai entusiasta anche tu!

cat litter naturale ideale per gatti


Ringraziamo la Dott.ssa Maria Grazia Calore, Medico Veterinario Esperto in Comportamento, per i consigli comportamentali presenti in questo articolo.

Tuttavia i consigli forniti a distanza non si intendono sostitutivi di una visita comportamentale in presenza.

I vantaggi di una lettiera naturale al 100%

La maggior parte delle lettiere che troviamo in commercio sono economiche e facili da reperire.

Purtroppo molte sono a base di silice, le cui polveri sono tra le principali cause di problemi respiratori e potenzialmente cancerogene. La bentonite è un’altra sostanza molto usata per il suo potere assorbente, ma può provocare danni gravi se ingerita per sbaglio. L’argilla sembra una scelta più naturale, ma è una sostanza totalmente non-biodegradabile.

Inoltre molte lettiere per gatti contengono spesso profumazioni di sintesi che possono dare fastidio all’olfatto sensibile dei gatti.

 lettiera naturale rispetta l'olfatto sensibile dei gatti

 

I vantaggi di una lettiera naturale al 100%

Ma quali sono i vantaggi di una lettiera naturale rispetto ad una lettiera standard?

 

Innanzi tutto è più sicura per la salute del gatto e di tutta la famiglia.
Prodotta con fibre vegetali e senza alcun additivo aggiunto risulta assolutamente sicura per il micio, ma anche per chi vive con lui. Nessuna polvere tossica sarà presente nell’ambiente:  le lettiere vegetali infatti ne sono totalmente prive.

 

Ha un alto potere agglomerante.
L’amido contenuto naturalmente nelle fibre agglomera più velocemente e questo permette di controllare meglio i cattivi odori. Profumazioni fastidiose non saranno necessarie perchè gli odori saranno neutralizzati istantaneamente dagli enzimi presenti nella lettiera.

 

È amica dell’ambiente.
Si calcola che ogni gatto consumi quasi 220 kg di lettiera l’anno e la maggioranza delle lettiere attualmente in commercio non sono  biodegradabili. Scegliere di utilizzare una lettiera naturale significa mettere in atto un comportamento ecocompatibile: un gesto quotidiano, semplice eppure così concreto. Una lettiera vegetale è infatti una lettiera ecosostenibile in quanto utilizza sostanze che, una volta gettate tra i rifiuti, non rappresentano un danno ambientale.

 

È più facile da smaltire.
Essendo totalmente biodegradabile garantisce uno smaltimento ecologico nel compost. Le agglomerazioni possono essere comodamente gettate nel WC di casa.

 

CatLitter, la nuovissima lettiera firmata Almo Nature

CatLitter è la lettiera pensata da Almo Nature per soddisfare le esigenze di tutti.

È una lettiera 100% vegetale e biodegradabile. È totalmente priva di additivi, di profumazioni aggiunte o di agenti tossici e offre tutti i vantaggi di una lettiera vegetale.
Per questo piace moltissimo a chi l’ha già provata. Ma CatLitter piace anche ai gatti, i nostri clienti più esigenti: dalla texture finissima, risulta morbida al contatto e non si attacca né alle zampe né al pelo.

Insomma, CatLitter è una lettiera approvata dai padroni, dai gatti e anche dall’ambiente! Scoprila!

 

 

Arriva in casa un gattino: come insegnargli il corretto uso della lettiera

Accogliere in casa un cucciolo di gatto è sempre una gioia.
Per una buona convivenza però occorre insegnargli fin da subito un corretto uso della lettiera.
I gattini apprendono questo comportamento a partire dai 3-4 mesi di età imitando il comportamento dei genitori. Ma anche senza la mamma, sono istintivamente predisposti a cercare del terreno smosso per scavare e nascondere i loro bisogni.

Con qualche accortezza e un pizzico di pazienza sarà dunque molto semplice insegnare loro ad usare la sabbietta.

 

Come insegnare a un gattino a usare la lettiera

1. Mostrare fin da subito al gattino la presenza della lettiera in casa.

2. Posizionarlo con delicatezza dentro alla lettiera per consentirgli di sentire la sabbia sotto le zampine e annusarne l’odore

3. Simulare la scavata con un dito e assicurarsi che provi anche lui. Tenendogli una zampina, possiamo aiutarlo a fare una prima scavatina.

4. Far vivere questa esperienza al micino in maniera serena e giocosa è la cosa più importante: la lettiera sarà sempre associata a qualcosa di positivo.


È importante tenere la lettiera sempre pulita
, in modo che il micino sia maggiormente incentivato ad usarla.

 

Dove metto la lettiera?

La lettiera va posizionata in un luogo tranquillo, facilmente raggiungibile e non troppo vicino alla zona cibo.

Non sgridarlo se, le prime volte, non riesce a fare un corretto uso della lettiera : è normale. Se l’ambiente è molto grande o è suddiviso su più piani sarà utile, inizialmente, posizionare più lettiere. I gatti piccoli infatti possono avere difficoltà a raggiungere in tempo la lettiera o a ricordarsi il suo esatto posizionamento.

Inizialmente possiamo scegliere di metterla nella stanza dove il gattino trascorre maggior parte del suo tempo: gradualmente poi sarà possibile spostarla nel luogo che abbiamo scelto.

Se abbiamo già altri gatti in casa, potrebbero non gradire la condivisione della lettiera. La regola, consigliata da molti comportamentisti è “una lettiera per ogni gatto, più una”. Anche se non sempre, per motivi di spazio, questo consiglio può essere rispettato alla lettera è comunque importante che ogni gatto abbia una sua lettiera a disposizione.

CatLitter Almo Nature corretto uso della lettiera

 

Aiuto! Quale lettiera è meglio per un gattino?

In prima battuta scegliere una lettiera ampia ma con sponde basse: in tal modo il gattino non avrà difficoltà ad entrarci.

Optare per sabbiette dal colore chiaro: questo permetterà di controllare meglio la pipì, ad esempio per verificare la presenza di eventuali casi di sangue occulto.

Preferire lettiere vegetali a grana fine, naturali, prive di additivi chimici o profumi sintetici e soprattutto prive di polveri così da non farle respirare al gattino.

 

CatLitter, la lettiera amata dai gatti

Tra le innumerevoli lettiere presenti in commercio CatLitter è la lettiera appositamente pensata per piacere ai gatti, anche ai più piccoli: il corretto uso della lettiera sarà naturale!

I granelli molto fini, simili alla sabbia, predispongono il gatto a scavare.

L’esperienza sarà per loro più che soddisfacente: la percepiranno morbida e piacevole sotto le zampe.

CatLitter è sicura anche per la loro salute: prodotta con sole fibre vegetali e senza alcun additivo aggiunto è naturale al 100% e priva di polvere. 

Scopri di più su CatLitter >

Carne di maiale e le nuove crocchette per cani

La carne di maiale è considerata un’alternativa alla più classica carne di manzo, ma ha caratteristiche nutrizionali decisamente interessanti e diventa l’ingrediente base per le crocchette per cani Holistic Grain Free.

 

Carne di maiale: le caratteristiche

La carne di maiale – come altri tipi di carne – è un’ottima fonte di proteine ad alto valore biologico: in 100g di carne suina si trovano circa 20 grammi di proteine.

La carne di maiale è ricca di vitamine del gruppo B e di ferro, selenio e altri minerali essenziali che contribuiscono al suo profilo nutrizionale di alto livello.

La carne di suino, un tempo molto grassa, è radicalmente cambiata nella sua composizione grazie a un attento controllo delle materie prime e a una selezione dei soli tagli più magri: oggi solo un terzo saturi dei grassi nella carne suina sono saturi.

Le fibre muscolari della carne di maiale hanno struttura diversa dalla carne bovina che la rendono più tenera e digeribile.

 

 

Holistic Grain Free: la nuova ricetta con carne di maiale

In Almo Nature ci impegniamo a preparare alimenti della più alta qualità possibile, ecco perché abbiamo selezionato i tagli più magri di carne di maiale, per preparare una crocchetta per cani naturale, appetitosa e ad alta digeribilità.

La ricetta Holistic Grain Free con maiale fresco è preparata con una selezione dei tagli più magri di carne suina fresca e un mix di verdure, senza l’aggiunta di cereali per soddisfare le esigenze di chi cerca una crocchetta “grain free”, cioè priva di cereali.
Ideale per i casi di intolleranze ai cereali, oggi sempre più frequenti.

Tutti gli ingredienti delle crocchette per cani Holistic sono naturali e NO OGM.

 

Perché siamo convinti che gli ingredienti facciano davvero la differenza.

Scopri di più sulle crocchette per cani Holistic Grain Free >

Carne fresca: l’ingrediente che rende superiore la qualità delle crocchette per gatti

La carne fresca – fonte di amminoacidi essenziali – costituisce la base della dieta quotidiana dei nostri gatti ed è indispensabile per il loro benessere.
I nutrienti apportati dalla carne, e in particolare dalle proteine, sono essenziali per la crescita e il mantenimento delle strutture cellulari e allo svolgimento di molte funzioni biologiche e metaboliche.

 

La carne che si usa per preparare le crocchette può essere di due tipi

  • Carne Fresca – conservata in frigo o congelata, non abbandona mai la “catena del freddo” fino alla cottura per diventare una crocchetta
  • Carne disidratata o ridotta in farina – sottoposta a un processo ad alta temperatura, non viene conservata al fresco, resta in dispensa fino all’uso.

 

La differenza è davvero semplice: la farina e i disidratati di carne sono già cotti: le proteine sono state parzialmente distrutte e le caratteristiche organolettiche alterate.

 

Ecco perché la carne fresca è più pregiata e ha un costo maggiore: è come scegliere latte fresco appena munto oppure latte in polvere.

Se la carne fresca viene conservata proprio come faremmo noi a casa, la carne disidrata o in farina ha bisogno di un conservante aggiunto che ne impedisca la degradazione. Disidratati e farine infatti, tendono a irrancidire, compromettendo odore e sapore. Non solo, possono portare alla formazione di sostanze potenzialmente cancerogene.

 

Le crocchette con carne fresca per gatti

Almo Nature ha scelto di rispettare la natura specifica dei nostri gatti, da sempre.

Per questo si impegna a preparare una crocchetta che sappia soddisfare le esigenze nutrizionali del gatto e garantire un alimento genuino e gustoso.

 

Alternative
alternative crocchette per gatti almo nature

Alternative è la prima crocchetta 100% carne e pesce fresco e 100% HFC. Senza nessuna aggiunta di disidratati o farine.
La carne e il pesce sono 100% HFC ovvero in origine idonei al consumo umano1.

Una sola fonte di proteine animali che occupa il primo posto nella lista degli ingredienti.

Alternative migliora l’alimentazione quotidiana e contribuisce a risolvere i problemi e le intolleranze di origine alimentare.

 

Holistic

holistic crocchette per gatti almo natureHolistic è la crocchetta ad alta digeribilità con ingredienti naturali, studiata per le specifiche esigenze dei gatti.

Preparata con tanta carne fresca (fino al 26%) e una selezione di ingredienti pet food di prima qualità, per garantire un pasto completo e bilanciato.

Disponibile anche in versione Sterilised per gatti sterilizzati e Anti-Hairball per prevenire la formazione di boli di pelo.

 

Quali ingredienti nelle crocchette?

Sappiamo davvero quali sono gli ingredienti nelle crocchette del nostro cane o gatto?

Cerchiamo di fare chiarezza. Ma per poter rispondere a questa domanda dobbiamo partire da un’altra: che cosa è il Pet Food?

Il pet food è il cibo per i nostri amici a quattro zampe, nato quando l’industria alimentare umana ha iniziato un importante percorso di sostenibilità delle materie prime e dell’ambiente: tutti gli scarti dell’alimentazione umana vengono impiegati nuovamente per gli animali.

Quali ingredienti nelle crocchette – La qualità

Ovviamente gli ingredienti che arrivano dall’industria alimentare umana hanno qualità e valori nutrizionali davvero eterogenei: da un taglio di carne a una penna di pollo.
Tutti ingredienti non idonei al consumo umano, ma la differenza è grande: se un trancio di carne è digeribile e assimilabile, una penna di pollo lo è decisamente molto meno.

 

Quali ingredienti nelle crocchette – Cosa dice la legge

La lista degli ingredienti che possono essere destinati al pet food viene regolata da una legge Europea ben precisa, la legge numero 1069 del 2009 che all’art. 10 specifica esattamente questa distinzione, ovvero ciò che è idoneo al nostro consumo umano e ciò che invece non lo è.

 

Ma allora perché non preparare un pet food con ingredienti idonei al consumo umano, anziché con i soli scarti?

Da questa semplice idea è nata HFC, una sigla che certifica la provenienza degli ingredienti da filiera alimentare umana (HFC significa infatti Human Food Chain).

 

Le ricette HFC garantiscono la qualità migliore e più sana oggi possibile nel pet food.

Come alimentare il gatto in estate

È arrivato il grande caldo. E il gatto in estate – notoriamente scarso bevitore – ha bisogno di un’attenzione in più.
Alimentare il gatto in estate abbinando alimenti umidi a quelli secchi è fondamentale per migliorare la sua idratazione.

Il gatto è un carnivoro stretto.
In natura il felino domestico si nutre di piccole prede e attraverso queste assume la maggior parte dei liquidi di cui ha bisogno: ecco perché non ha l’istinto ad abbeverarsi.

Scegliere un’alimentazione più leggera e più ricca di liquidi è la soluzione ideale per idratare il gatto nel modo più naturale possibile: attraverso il cibo!

 

Quali alimenti preferire?

La risposta è HFC, una linea di ricette umide per gatti che sanno soddisfare anche i palati più esigenti!

Tutte le ricette della linea HFC presentano una formulazione ricchissima di brodo e sono preparate con ingredienti 100% HFC1, cioè in origine idonei al consumo umano. Perfette anche per i gatti in sovrappeso nella versione “Light” con basso contenuto di grassi, le ricette HFC, a base di sole proteine o proteine e verdure, offrono tutto il gusto della tradizione Almo Nature.

In particolare, le bustine HFC 55g sono pensate per il gatto di casa e particolarmente adatte ad affrontare i periodi di grande caldo, grazie a una formulazione ricchissima di brodo naturale e un formato single-serve, è ideale per assicurare al gatto un pasto idratante e ricco di micronutrienti essenziali.

HFC è disponibile in moltissime varianti differenti, quasi 100 diverse ricette!  E i gatti le amano tutte!

Alimentiamolo ogni giorno seguendo le sue esigenze nutrizionali. Dal suo punto di vista.

 

________
1 – Secondo Regolamento della (CE) N. 1069/2009 Art. 10 comma a)

Green Label, Rouge Label e Classic diventano HFC

Green Label, Rouge Label e Classic, le bustine single serve Almo Nature cambiano look e diventano HFC

 

HFC è l’etichetta che contraddistingue i prodotti Almo Nature preparati con ingredienti HFC, cioè in origine idonei al consumo umano*.

Per rendere più chiaro quali prodotti hanno questa caratteristica, abbiamo deciso di raggruppare tutte queste ricette sotto l’etichetta HFC. In questo modo, un’occhiata è sufficiente a comprendere la qualità del prodotto che abbiamo davanti.

 

HFC: oltre trenta gusti in comode bustine monouso

Le bustine single serve da 55g consentono di offrire al nostro gatto una porzione di alimento umido per evitare inutili sprechi.

Tutte le ricette sono prive di coloranti, appetizzanti o conservanti chimici o di sintesi.

Per preparare le nostre ricette usiamo gli ingredienti che indichiamo in etichetta e nient’altro.

Nessuna delle ricette attuali è stata cambiata: sappiamo quanto sia importante garantire ai nostri gatti ciò che più amano, sempre.

 

 

La linea HFC: come si compone

La linea HFC si compone di diversi formati e ricette, ma ad accomunarli tutti è sempre la qualità degli ingredienti che selezioniamo per prepararli.

Nella linea HFC troviamo:

  • Lattine 70g: quelle che conoscevamo come “Legend”
  • Green Label RawPack: ricette cotte direttamente in busta grazie al metodo RawPack
  • Rouge Label: la selezione di ricette per i gatti con gusti più difficili e raffinati
  • Classic: le ricette leggere ricche di brodo, ideali per i gatti che hanno tendenza al sovrappeso o hanno bisogno di un’idratazione extra.

 

Le ricette HFC nella dieta quotidiana di micio

Tutte le ricette umide HFC sono la scelta ideale per l’alimentazione naturale quotidiana del nostro gatto, per garantirgli una naturale idratazione fin dalla ciotola.

Per rispettare la sua natura di carnivoro stretto che non ha l’istinto ad abbeverarsi, Almo Nature consiglia un’alimentazione alternata composta sia da alimenti umidi – come le ricette HFC– sia da crocchette (Alternative Dry è la scelta ideale per garantire un’alimentazione 100% HFC!).

Il consiglio nutrizionale per gatti felici e in forma

 

 

 

 

 

 

*Secondo Regolamento della (CE) N. 1069/2009 Art. 10 comma a)

Congratulazioni! Iscrizione avvenuta con successo.!
Errore inatteso! Riprova per favore.
Iscriviti subito
Dai consigli nutrizionali e comportamentali alle offerte speciali, rimani aggiornato su tutte le novità Almo Nature!