Perché i gatti fanno le fusa o miagolano: i segreti della comunicazione vocale

Banalmente si può pensare che il gatto miagola, soffia, fa le fusa. In realtà gli studi sulla vocalizzazione del gatto hanno evidenziato che questa specie ha a propria disposizione un bagaglio molto ricco di suoni per comunicare sia tra gatti sia con altre specie. Maria Grazia Calore, medico veterinario esperto in comportamento,ci condurrà alla scoperta della comunicazione vocale di questo affascinante felino.

Miagolare che passione!

Chi possiede un gatto sa bene che uno dei modi con cui il micio comunica con noi è il miagolio. Non esiste però solo un tipo di miagolio ma, al contrario, il gatto ha sviluppato la capacità di adattare il suo miagolare per ottenere da noi risposte diverse. Sembra addirittura che il gatto abbia coscienza del fatto che questo suono risveglierebbe nelle persone un atteggiamento di cura per la sua somiglianza al pianto di un neonato.

Ma come distinguere i diversi tipi di miagolio? Eccone una rapida rassegna:

I gattini miagolano in modo insistente, prolungato e ripetitivo per richiamare l’attenzione della gatta o quando hanno fame. Allo stesso modo si comportano i gatti adulti in cerca del cibo.
Un miagolio singolo, magari ripetuto dopo un po’ di tempo o mentre noi parliamo al gatto, può essere interpretato come un segnale di saluto o una vera e propria comunicazione. Il gatto può voler semplicemente “parlare” con noi quando siamo nella stessa stanza. Da parte dell’essere umano però, molto spesso, questo miagolio viene interpretato come una richiesta di cibo. Per questo il gatto potrebbe associare il miagolio all’ottenere il cibo e ripetere il comportamento all’infinito, incorrendo quindi in problemi di obesità.
Altre volte un miagolio viene fatto precedere da un suono riproducibile come prr: anche in questo caso si tratta di un saluto attraverso il quale il gatto ci fa sapere che è felice di vederci.

Nel video in basso troviamo un gattino in difficoltà richiamare la gatta, gatti adulti in cerca di cibo e gatti che miagolano per salutare:

Nel prossimo video invece ci sono 2 esempi di una “chiacchierata” tra gatti e umani e di una chiacchierata tra gatti:

Miagolare per esprimere stati d’animo

Con il miagolio il gatto può esprimere paura, disagio o fastidio. In questo caso il gatto emetterà dei miagolii profondi e prolungati, come se provenissero dalla gola. Se invece è infastidito, allora il miagolio sarà secco. Nel prossimo video vedrete due gatti che esprimono paura, il terzo micio esprime disagio alla vista della mano minacciosa, mentre l’ultimo esprime fastidio per il contatto non voluto.

Se vediamo un gatto intento ad osservare fuori dalla finestra probabilmente emetterà dei brevi miagolii ripetuti, in quanto nella sua mente è intento a cacciare la preda, come è possibile vedere nel video:

Anche nella comunicazione tra gatti il miagolio esprime gli stati d’animo. Spesso i litigi tra gatti sono contraddistinti da miagolii che sembrano sfociare in vere e proprie urla. Anche in questo caso ci sarà un individuo che esprime paura mentre l’altro esprime aggressività. Nel video successivo non sarà facile capire quale dei due sia l’aggressore!

Non solo miagolii

Un altro modo di comunicare attraverso la vocalizzazione nel gatto sono le fusa. Sono un suono che il gatto produce facendo vibrare le corde vocali e attraverso contrazioni della laringe che fanno aprire e chiudere la glottide.

Le fusa vengono prodotte in caso di esperienze piacevoli per il gatto come ad esempio durante le coccole, sia da parte dell’essere umano che nelle coccole tra gatti; da parte dei gattini mentre prendono il latte dalla mamma. In altri casi invece possiamo vedere che il gatto usa le fusa come auto consolazione: non è raro infatti che gatti malati o sofferenti facciano le fusa.

Se un gatto è estremamente impaurito oltre ai miagolii può soffiare spalancando la bocca. In questo caso il messaggio emesso è chiaro: lascia perdere, non ti avvicinare!