Perché è così importante il microchip (I&R) per cani e gatti?

Che fare se un giorno dovessi separarti dal tuo amico peloso? O se si perdesse? Può capitare anche ai più premurosi.
 
Un gatto che si trova all’aperto e sbaglia strada, finisce in un giardino e viene adottato dal vicino che pensa che si tratti di un randagio. Oppure un cane spaventato che, scappato nel bosco durante una passeggiata, resta incapace di ritrovare il proprietario o la strada di casa!
 
Non tutto è risolvibile, ma identificando e registrando il tuo compagno animale potrai assicurarti che, in casi come questi, possa essere identificato e restituito se trovato da qualcuno o dalla polizia.
 

Che cos’è l’I&R?

Molte persone non sono consapevoli dell’importanza cruciale del microchip e della registrazione dei propri cani e gatti. Si tratta infatti dell’unico modo per massimizzare le possibilità di ricongiungimento con il proprio animale in caso di separazione involontaria, o se l’animale dovesse essere rubato.
 
Identificazione e Registrazione (I&R) sono l’unico sistema di tracciabilità disponibile per dimostrare il legame tra un animale da compagnia e il proprietario, aumentando notevolmente le probabilità di riunificazione in caso di separazione.

 

La legislazione vigente nell’Unione Europea (UE) per gli animali di proprietà.

L’I&R è obbligatorio in tutta l’UE, ma solo quando un cane o un gatto viene trasferito da un paese a un altro dell’Unione Europea,  dunque in generale in caso di vacanza all’estero o trasferimento temporaneo o permanente in un nuovo Stato.
 
Gli Stati dell’Unione Europea  possono decidere autonomamente in merito alla loro legislazione in materia di I&R quando si tratta dei propri confini, la maggior parte degli stati dell’UE ha una legislazione I&R obbligatoria per i cani mentre I&R per i gatti rimane in larga misura su base volontaria.
 
Quando si applica la legislazione obbligatoria, gli animali devono essere microcchipati e registrati tra 2 e 4 mesi dalla nascita. Vedi la tabella qui sotto per maggiori dettagli:
 

  

Legislazione Europea obbligatoria in caso di movimentazione transfrontaliera di CANI e GATTI nell’ UE  I&R per gatti e cani è obbligatoria quando ci si sposta per qualunque motivo da uno Stato all’ altro dell’ Unione Europea. E’ anche obbligatorio il passaporto Europeo per cani e gatti e le vaccinazioni richieste (rabbia) 
La legislazione obbligatoria su I&R per CANI all’ interno degli  Stati dell’ UE è definita dalle normative nazionali I&R per CANI è obbligatoria nei seguenti Stati:   

Belgio Bulgaria, Croazia, Danimarca, Italia, Portogallo Romania, Slovacchia, Spagna, Paesi Bassi, Ungheria, Lettonia, Regno Unito, Svezia, Grecia, Francia, Polonia.  ( normalmente la microchippatura è richiesta tra I 2 e i  4 mesi dalla nascita dell’ animale)  

La legislazione  obbligatoria su I&R per GATTI all’ interno degli  Stati dell’ UE è definita dalle normative nazionaliI&R per GATTI è obbligatoria in Belgio e Francia. E’ possibile su base volontaria nella maggior parte degli altri Stati.  

 Nota bene: le informazioni fornite in questa tabella sono soggette a rapida evoluzione, con frequenti cambiamenti.

 

 

Come funziona l’I&R?

Il processo di I&R è relativamente semplice: un transponder, che racchiude il microchip, viene inserito sotto la pelle dell’animale;  una procedura rapida che può essere esercitata solo da un veterinario. Il numero del microchip viene successivamente registrato dal veterinario o da un’autorità pubblica in un database per cani e gatti approvato dal governo e diventa il numero di riconoscimento dell’ animale (ID).
 
La registrazione al database include tutti i dettagli del proprietario, come nome, indirizzo di casa, numero di telefono e indirizzo e-mail, nonché il nome e la data di nascita dell’animale e il numero identificativo associato al microchip.
 
Chiunque trovi un animale può portarlo da un veterinario, che avendo accesso diretto ai registri ufficiali sarà in grado verificare i dati dell’animale e del proprietario usando un lettore di microchip.
 
Se l’animale invece viene trovato dalla polizia, sarà questa a perdersi cura di identificarlo ed entrare in contatto con il proprietario.
 

Un’anagrafe europea

Dopo aver fatto la registrazione, è importante anche tenere aggiornati i tuoi contatti personali nel registro dell’anagrafe. Ad esempio, se cambi la tua residenza (anche temporaneamente), aggiorna sempre i tuoi dati, assicurandoti che il tuo animale sia registrato dove risiedi, soprattutto se ti sposti in altre Regioni o altri Stati. 
In quest’ultimo caso, anche se ti trasferisci per un periodo temporaneo, ti consigliamo di registrare il tuo compagno animale nel database ufficiale del nuovo luogo di residenza.
 
È utile conoscere il sito di Europetnet, il registro degli animali domestici a livello europeo che sta acquisendo progressivamente i dati dai singoli Paesi per facilitare il ricongiungimento degli animali con i loro compagni umani in caso di movimentazione verso l’estero.
Europetnet può essere consultato online e aiuta il ricongiungimento ogni volta che un animale munito di regolare microchip viene trovato in uno stato membro dell’UE.

 

Perché è importante l’I&R? Lo dicono i numeri

Secondo le ultime statistiche, gli animali che sono stati registrati usando I&R hanno una probabilità del 50-90% di ricongiungersi con il loro compagno umano Non solo: questa prassi minimizza anche la possibilità che qualcun altro semplicemente finga di esserne proprietario.

 

Se non ti sei ancora occupato di assicurare l’I&R del tuo amico animale,
fissa un appuntamento con il tuo veterinario il prima possibile.

 

Condivideremo regolarmente nuovi temi relativi a I&R e al benessere degli animali in Europa, quindi continuate a seguirci e se volete segnalarci un argomento, non esitate a contattarci tramite la nostra pagina Facebook.

 

Se vuoi saperne di più sui temi di questo articolo, visita i seguenti siti Web:

 

 

 

 EUROPETNET per informazione sulla tracciabilità degli animali da compagnia  movimentati nell’  Unione Europea  https://www.europetnet.com/