Hai già un profilo?

Scegli la tua tipologia d’iscrizione

Parlaci di te, così potremmo indirizzarti al meglio.

Sono compagno di un gatto/cane

Se acquisti prodotti Almo Nature e/o supporti i progetti della Fondazione Capellino, questo è il tuo accesso personale.

Sono un partner commerciale

Se lavori per un negozio, una clinica veterinaria o rappresenti un altro partner commerciale di Almo Nature, è qui che ti diamo il benvenuto.

Voglio unirmi al progetto in qualità di organizzazione

Se fai parte di una ONLUS, una NON-ONLUS o di un’amministrazione locale che intende aderire al progetto "A Companion Animal Is For Life", vai qui.

Non hai ancora un account?

Utilizza il codice che hai ricevuto per cambiare la password

Inserisci il codice di verifica presente nell’email che hai ricevuto e poi crea una nuova password

Reimposta la password

Inserisci l'indirizzo email associato al tuo account e ti invieremo un link per reimpostare la password.

You did it!

Password successfully restored

Cambia password temporanea

La password deve contenere almeno un numero (0-9), un carattere speciale ($, &, #, @, !, *), un carattere maiuscolo (A-Z) e uno minuscolo (a-z)

Il cane più vecchio del mondo ‘potrebbe’ essere Maggie, una docile Australian Kelpie. Il condizionale in questo caso è d’obbligo: la quadrupede avrebbe un’età stimata intorno ai trent’anni ma non vi sono documenti che possano attestare tale prodigio anagrafico di natura canina.

 

Maggie, un cane da Guinness dei primati

Potremmo assimilare il cane Maggie alla gatta Tiffany –  entrata di diritto nel Guinness dei Primati con i suoi 27 anni poco prima di passare a miglior vita – se non fosse per l’assenza di informazioni sul suo anno di nascita. Infatti, a confermare la sua veneranda età è il padrone Brian McLaren, produttore di alimenti caseari a Victoria, in Australia. Secondo l’uomo la cagnolina vivrebbe nella sua fattoria da circa tre decenni, lasso di tempo record assimilabile a 200 anni umani.

Ma come vive Maggie il suo evidente status di cane anziano? Stando a quanto raccontato da McLaren assumerebbe gli atteggiamenti tipici di un cane in età avanzata: sonni prolungati, attività motoria sporadica e qualche passeggiata in trattore con il fidato padrone.

 

Il cane anziano: come prendersene cura?

Esiste un modo per preservare il più a lungo possibile la salute dei nostri adorati amici a quattro zampe? Per Almo Nature un cane anziano non ha bisogno di un cibo particolare: proprio come noi umani anche loro possono mantenere la alimentazione abituale con una particolare attenzione alle porzioni (in caso di ridotta attività motoria) e alla qualità delle materie prime.

In particolare, Fido in età avanzata ha bisogno di fonti proteiche di alta qualità perché siano facilmente digeribili e quindi assimilabili dal suo organismo. Crocchette ricche di nutrienti e appetitosi alimenti umidi sono la combinazione perfetta per alimentare al meglio il nostro amico con la garanzia di una dieta equilibrata e tanto gusto.  E se il benessere del cane inizia dalla ciotola, anche altri fattori sono irrinunciabili: regolari visite dal veterinario, attività fisica, socializzazione coi propri simili e soprattutto la vicinanza con il padrone-capobranco allungheranno la vita a lui e probabilmente anche a noi!

 

Related posts

Seleziona la modalità di iscrizione

Sei già iscritto

Benvenuto nella comunità!

La nostra prima e-mail è già in arrivo. Speriamo sia di tuo gradimento.

Un'altra cosa

Saremmo lieti di sapere qualcosa di più su di te – per fornirti le informazioni più pertinenti. Per favore, rispondi ad alcune semplici domande:

Qual è il tuo animale da compagnia?

Quanti anni hanno i tuoi compagni animali?

  • Cane
  • Gatto

In che zona vivi?

Oh, hai un gatto e un cane! Bene, già ci piaci :)

Grazie per esserti iscritto! E porta i nostri saluti al tuo gatto :)

Grazie per esserti iscritto! E porta i nostri saluti al tuo cane :)

Ehi, è così bello averti qui con noi :) Grazie per esserti iscritto!

Per favore, se hai qualche opinione sui prodotti Almo Nature per gatti o cani (o entrambi!) o riguardo ai progetti della Fondazione Capellino, condividili con noi — — siamo sempre lieti di confrontarci con chi è interessato e partecipe. Speriamo di rivederti presto!

Questo sito utilizza cookie tecnici per facilitare la navigazione, cookie di analisi raccogliere dati aggregati, cookie volti a garantire la funzionalità dei social media e di terze parti cookie per offrire servizi e funzionalità aggiuntivi agli utenti. Se vuoi saperne di più o ritirare il tuo consenso a tutti o ad alcuni cookie, vedere il Politica dei cookie.

Cliccando sul pulsante specifico, chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina web o continuando a navigare in qualsiasi altro modo, accetti l'uso dei cookie.