Hai già un profilo?

Scegli la tua tipologia d’iscrizione

Parlaci di te, così potremmo indirizzarti al meglio.

Sono compagno di un gatto/cane

Se acquisti prodotti Almo Nature e/o supporti i progetti della Fondazione Capellino, questo è il tuo accesso personale.

Sono un partner commerciale

Se lavori per un negozio, una clinica veterinaria o rappresenti un altro partner commerciale di Almo Nature, è qui che ti diamo il benvenuto.

Voglio unirmi al progetto in qualità di organizzazione

Se fai parte di una ONLUS, una NON-ONLUS o di un’amministrazione locale che intende aderire al progetto "A Companion Animal Is For Life", vai qui.

Non hai ancora un account?

Use your code to change the password

Enter the verification code from the email we’ve sent you and create new password.

Reimposta la password

Inserisci l'indirizzo email associato al tuo account e ti invieremo un link per reimpostare la password.

You did it!

Password successfully restored

Cambia password temporanea

I gatti e il gusto: la percezione di dolce e amaro

Un buon padrone che si rispetti ha a cuore la salute del suo gatto a partire dall’alimentazione. Eppure, spesso e volentieri, il comportamento dell’animale di fronte al cibo destinatogli – secco, umido, bio e chi più ne ha più ne metta –  risulta assai criptico.  A spiegare questa insondabile percezione dei sapori da parte del felino potrebbe essere, però, una ricerca condotta dall’AFB International e dall’Integral Molecular, i cui risultati sono stati pubblicati sulla rivista  BMC Neuroscience.

 

Lo studio: palati umani e felini a confronto

Il singolare studio sul gusto felino si è fondato su un obiettivo principale: la valutazione della risposta al sapore amaro di Tas2r38 e Tas2r43, rispettivamente due recettori del gusto propri del gatto. Unica ‘certezza’ alla base di questa intrigante ricerca è l’incapacità da parte dell’adorabile pet di avvertire il dolce. A partire da questo presupposto e utilizzando cellule cresciute in laboratorio si è ipotizzato che i felini domestici fossero’vittime’ di un’eccessiva percezione del sapore amaro. Per dare credito a questa congettura si è pensato bene di testare le reazioni di questi recettori su composti organici notoriamente aspri per i palati umani: la feniltiocarbammide e il 6-n-propiltiouracile, dotate di una struttura molecolare non dissimile da alcune sostanze contenute nei broccoli, l’aloina tipica di molte specie vegetali e il denatonio, il composto chimico più amaro tra quelli noti.

Una combinazione che farebbe impallidire anche il più stoico degli avventori e che ha contribuito a fare chiarezza: il recettore Tas2r38 è molto meno sensibile alla feniltiocarbammide rispetto all’analogo recettore umano, ed è del tutto indifferente al 6-n-propiltiouracile. Invece, Tas2r43 è stato poco stimolato dalla aloina  al contrario di quanto riscontrabile con il denatonio. Proprio quest’ultima evidenza ha fornito la conclusione agli studiosi: i gatti percepiscono in modo molto più marcato rispetto a noi i gusti nella gamma dell’amaro.

Come prendere i gatti per la gola? Le ipotesi degli scienziati

Grazie a quanto dimostrato da questo studio viene meno la pessima nomea di schizzinoso al gatto. I mici, infatti, sentono l’amaro molto più degli uomini ed un alimento per noi quasi insapore potrebbe rappresentare per loro una pessima esperienza gastronomica. A dare qualche speranza in merito alla somministrazione di farmaci – vera e propria dannazione per gatti e padroni – sono proprio gli scienziati che non escludono la possibilità di creare composti che bloccano o inibiscono il recettore Tas2r43, rendendo così più appetibili medicinali e alimenti. Intanto, resta valido il naturale consiglio nutrizionale Almo Nature: umido, secco e attenzione alla sua vocazione strettamente carnivora.

Seleziona la modalità di iscrizione

Sei già iscritto

Benvenuto nella comunità!

La nostra prima e-mail è già in arrivo. Speriamo sia di tuo gradimento.

Un'altra cosa

Saremmo lieti di sapere qualcosa di più su di te – per fornirti le informazioni più pertinenti. Per favore, rispondi ad alcune semplici domande:

Qual è il tuo animale da compagnia?

Quanti anni hanno i tuoi compagni animali?

  • Cane
  • Gatto

In che zona vivi?

Oh, hai un gatto e un cane! Bene, già ci piaci :)

Grazie per esserti iscritto! E porta i nostri saluti al tuo gatto :)

Grazie per esserti iscritto! E porta i nostri saluti al tuo cane :)

Ehi, è così bello averti qui con noi :) Grazie per esserti iscritto!

Per favore, se hai qualche opinione sui prodotti Almo Nature per gatti o cani (o entrambi!) o riguardo ai progetti della Fondazione Capellino, condividili con noi — — siamo sempre lieti di confrontarci con chi è interessato e partecipe. Speriamo di rivederti presto!

Questo sito utilizza cookie tecnici per facilitare la navigazione, cookie di analisi raccogliere dati aggregati, cookie volti a garantire la funzionalità dei social media e di terze parti cookie per offrire servizi e funzionalità aggiuntivi agli utenti. Se vuoi saperne di più o ritirare il tuo consenso a tutti o ad alcuni cookie, vedere il Politica dei cookie.

Cliccando sul pulsante specifico, chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina web o continuando a navigare in qualsiasi altro modo, accetti l'uso dei cookie.