Finalmente la Primavera! Fido e Micio, siamo preparati?

Arriva la stagione più colorata dell’anno! Vogliamo condividere con voi le principali tematiche che interessano più da vicino i nostri amici cani e gatti.

 

Allergie

Si sveglia la natura , e con lei anche gli insetti !

Le allergie alle punture di api, vespe o calabroni sono quelle più pericolose, con possibili shock anafilattici.
Si possono riscontrare sia nei cani che nei gatti, anche se la frequenza è maggiore nei cani.

Questo non vuol dire che si debba limitare la loro libertà: se viene diagnosticata un’allergia alla puntura di insetti bisogna fare solo più attenzione, consultando il proprio Medico Veterinario per capire come agire in queste situazioni.

 

Parassiti

Con l’aumento delle temperature l’ambiente diventa ideale per i parassiti che, oltre al fastidio arrecato, possono trasmettere malattie o provocare infezioni ai nostri piccoli amici:

🔸 le zecche possono trasmettere malattie del sangue come la borreliosi o l’ehrlichiosi, per citarne alcune

🔸 le pulci causano infestazioni intestinali provocate ad esempio da ascaridi o tenie.

🔸 le zanzare e i pappataci infine, portano rispettivamente la Filariosi cardiopolmonare e la Leishmaniosi

Non bisogna assolutamente allarmarsi, ma semplicemente conoscere il problema e adottare una serie di accorgimenti per prevenire le malattie!

In questo periodo infatti è fondamentale ascoltare i consigli del proprio Medico Veterinario, che saprà indicarvi tutte le strategie da adottare per il vostro pet (se ad esempio vive in casa o fuori , in città o in campagna, eccetera).

Esistono tanti modi per aiutare i nostri piccoli amici.

Possiamo ad esempio proteggerli con zanzariere e ultrasuoni per allontanare zanzare e pappataci, soprattutto al crepuscolo e durante la notte.

Occorre fare attenzione durante le prime passeggiate all’aperto in prati con erba alta e umida,
perché questi luoghi sono ideali per le zecche.

Oggi sul mercato esistono tanti prodotti per contrastare i parassiti. Tra questi stanno riscuotendo sempre maggiore interesse e utilizzo preparazioni di origine naturale. Sono sicuramente meno aggressive di quelle chimiche, ma possono comunque costituire un grande alleato contro i parassiti.

L’utilizzo di questi prodotti dipende dall’ambiente e dallo stile di vita del cane o del gatto, e richiedono molto più impegno da parte degli umani. Non avendo infatti la stessa persistenza di una sostanza chimica, devono essere applicati più volte al giorno o nel tempo, e soprattutto giusto qualche istante prima di uscire per la passeggiata.

Ma è un sacrificio che possiamo fare, per un maggior rispetto del pianeta che ci ospita!

Gatti, piante e fiori

almo nature primavera gatto
Molte piante da appartamento che acquistiamo per decorare casa possono essere pericolose per il nostro gatto.
Per questo è importante verificare sempre insieme al Medico Veterinario di fiducia prima di introdurne una nuova nel suo spazio vitale.

Impossibile dare un quadro completo di tutte le piante velenose per i nostri gatti, ma bisogna sapere che alcune di esse danno reazioni locali se ingerite, mentre altre causano problemi renali o epatici, e possono coinvolgere il cuore o il sistema nervoso centrale.

Eccone una breve lista.

🔸 Gigli sono estremamente tossici e l’ingestione di una piccola quantità provoca gravi danni renali.

🔸 Bulbi di tulipani danno un’intensa gastroenterite e possono anche coinvolgere il tessuto del cuore con disturbi cardiaci.

🔸 Pothos e spatifillo causano, se ingeriti, gravi infiammazioni della bocca con ulcere e salivazioni.

🔸 Azalea, rododendro, ciclamini e crisantemi se ingeriti causano gravi disturbi gastroenterici con vomito e diarrea.

🔸 Tasso causa gravi disturbi del sistema nervoso centrale con tremori e difficoltà respiratorie.

🔸 Mughetto e ranuncolo causano abbassamento della pressione sanguigna e disorientamento

Quali sono le piante innocue per i gatti?

Menta, timo, rosmarino, basilico, camomilla e molte piante aromatiche possono essere usate per decorare e profumare la nostra casa, in quanto completamente sicure per il nostro gatto, che ne approfitterà per esplorarle e annusarle.

Alcune piante ornamentali sicure per i mici di casa sono anche la lavanda, la violetta africana, la begonia, il fiordaliso e le petunie.

 

 

almo nature primavera

 

La muta

La natura è saggia, fa il suo lavoro. Infatti, la perdita di pelo non è altro che l’eliminazione naturale del manto invernale.
Facilitare questo processo con apposite spazzole potrà essere utile e consentirà all’animale di liberarsi più rapidamente del sottopelo.

Attenzione però a non rasare troppo corto il pelo del cane: ricordiamoci che se in inverno lo aiuta a stare più caldo, in estate serve per regolare la temperatura corporea.
 

L’alimentazione

Come per noi umani, con il cambio di temperatura l’alimentazione diventa più “leggera” anche per i nostri pelosetti.
Si possono prediligere alimenti a base di pesce, ricco naturalmente di omega 3, per mantenere sani il pelo e la pelle in questo periodo di maggiore stress dovuto al caldo e alla muta.

Se in inverno non l’avete utilizzato, in questo periodo è anche importante introdurre l’umido nel pasto del cane.
Un cucchiaio mescolato alle loro crocchette ne aumenta l’idratazione e risveglia, per usare un termine umano,
“il palato”, fornendo inoltre un apporto di nutrienti aggiuntivi in questo momento di maggior dispendio.

A differenza del cane, per il gatto l’umido è importantissimo SEMPRE, in tutti i periodi dell’anno.
In questo particolare momento occorre aiutarlo ad eliminare i boli di pelo che possono formarsi a livello gastro intestinale durante la propria toelettatura.
Si possono utilizzare prodotti specifici Anti – Hairball, ricchi di fibre che agevolano il transito, e come umido prediligere i prodotti in jelly. Infatti, la gelatina vegetale nel lungo periodo agevola il transito intestinale.

 

Rimanete in contatto, perché nel prossimo articolo si parla di… cioccolata!