Farmers & Predators, dalle Alpi alla Sierra Nevada: il Lupo del Mercantour

Angelo Gandolfi ed Elisabeth van Iersel, noti naturalisti e fotografi, intraprendono un viaggio attraverso la Francia meridionale, la Spagna e il Portogallo, alla scoperta dei grandi predatori, del loro impatto sull’ambiente e sulle comunità umane che vivono negli stessi ecosistemi.

Farmers Predators Alpi Sierra Nevada lupo

Mercantour, il Monte Bego visto dalle Postazioni militari dell’Authion, dove passava l’antico confine

 

I confini e il Parco Nazionale Mercantour

Al colle di Tenda o a Ventimiglia la percezione di attraversare un confine è netta.
Per chi ci è vissuto, nei secoli scorsi non è mai stato così.

 

Farmers and Predators Alpi Sierra Nevada Lupo

Mercantour, il villaggio di Lantosque, nella Val Vésubie

 

Quando la Contea di Nizza passò alla Francia nel 1860, Cavour ottenne che la val Roia rimanesse italiana.
La perdemmo con la seconda guerra mondiale e il confine si spostò verso Est, dalla cresta del Monte Bego (dove oggi c’è la parte meridionale del Parco Nazionale Mercantour) al Monte Pietravecchia.

 

 

 

Farmers and Predators Alpi Sierra Nevada Lupo

Mercantour, Saint-Etienne-de-Tinée

Per molti abitanti nulla cambiò, perché la principale attività economica della regione, la pastorizia, non ha confini.
Qui in estate arrivavano le greggi dalla Provenza, i pascoli erano in comune, e ancora oggi i mandriani italiani portano le loro bestie sui prati francesi.

Farmers and Predators Alpi Sierra Nevada Lupo

Al Mercantour si allevano persino i lama (notare il cane che guida al guinzaglio un lama).

 

La bestia feroce

Le Alpi Marittime hanno sempre rappresentato uno dei confini più permeabili delle Alpi, e ben lo sanno i migranti “clandestini”. Tra questi, verso la fine degli anni ‘80 del secolo scorso, arrivò un clandestino a quattro zampe, il lupo.

Farmers and Predators Alpi Sierra Nevada Lupo

L’immaginario del lupo, la bestia feroce che divora le fanciulle

Come noto, negli anni ‘70 il lupo era ridotto ai minimi termini in Italia, con un centinaio di esemplari tra la Calabria e l’Abruzzo. Con la protezione legale, la specie migrò verso Nord attraverso l’Appennino: Lazio, Toscana, Liguria.


Il primo avvistamento
in Francia avvenne nel 1992. La rivista francese Terre Sauvage scrisse: “finalmente arriva qualcosa di buono dall’Italia”.
Non tutti la pensavano così. Non c’erano più lupi in Francia da molto tempo, e anche la pastorizia era cambiata, considerata un secondo lavoro o addirittura un hobby: centinaia di pecore erano lasciate brade sui pascoli, una vera festa per i lupi!

Farmers and Predators Alpi Sierra Nevada Lupo

Mercantour, pecore in Val Roia meridionale

 

Nonostante le inevitabili ritorsioni (teste di lupi abbattuti esposte pubblicamente per monito) il nostro predatore riuscì a insediarsi stabilmente: oltre alle pecore il parco nazionale è ricco di fauna, camosci, stambecchi, mufloni, cinghiali.

 

Farmers and Predators Alpi Sierra Nevada Lupo

Un lupo che ha predato una lepre

Ma il lupo aveva ed ha lo status di specie protetta nell’Unione Europea, così lo stato francese fece buon viso a cattiva sorte e si attrezzò, raccomandando, anzi, imponendo i cani da guardiania, i recinti, ecc.: tutto ciò che i pastori calabresi e abruzzesi sapevano di dover fare da sempre.

Anche in Francia le eventuali predazioni vengono risarcite dallo Stato.

Alpha, Parc des Loup

Farmers and Predators Alpi Sierra Nevada LupoScendendo la Val Roia dal Col di Tenda, in questo freddo e innevato mese di maggio si arriva a Sospel, quasi in Italia, e poi si vira a nord verso St Martin in Val Vésubie.

Lassù, a le Boréon, siamo sicuri di vedere i lupi perché esiste da tempo Alpha, Le Parc des Loup.
Nulla a che vedere con l’emozione di incontrare lupi in libertà, ma qui il contesto paesaggistico è spettacolare e i recinti molto grandi.

E poi Alpha ha una funzione didattica importante, simile a quella che ha avuto il recinto lupi di Civitella Alfedena.

Nel parco la situazione si è stabilizzata intorno ai 40 lupi, in tutta la Francia ce ne sono attualmente 360, benché la legislazione nazionale preveda ogni anno la possibilità/necessità di ucciderne un certo numero, previsto per il 2018 tra il 10 e il 12%.

Le autorità francesi stimano che in questo modo intorno al 2023 il numero dei lupi dovrebbe salire a circa 500 capi. Vedremo.
Farmers and Predators Alpi Sierra Nevada Lupo

 

Intanto il lupo italiano è stato avvistato quasi alla periferia di Parigi, e addirittura in Belgio. Ma la principale direttrice di espansione sono le Alpi verso Nord e soprattutto la Francia meridionale, verso Ovest.

Noi andremo in questa direzione: la situazione del lupo (e dell’orso) sui Pirenei rappresenterà la seconda puntata del nostro diario.