Cani in inverno: consigli per prenderci cura di loro

cani in inverno, proprio come i gatti, si adattano al cambio delle temperature. La dottoressa Maria Grazia Calore, medico veterinario esperto in comportamento, ci ha illustrato le modifiche fisiche e comportamentali che si possono notare nel migliore amico dell’uomo, fornendoci anche alcuni consigli.

 

Brr, che freddo!

Nell’immaginario collettivo il cane, a differenza del più dormiglione felino domestico, non rinuncia al suo dinamismo quando il clima diventa più rigido. In realtà, è preferibile non generalizzare: per esempio, un cane che vive all’esterno aumenterà il proprio appetito poiché per mantenere stabile la temperatura corporea sono necessarie più calorie.

Generalmente un cane di taglia grande con molto sottopelo e pelo lungo reagirà bene al calo delle temperature: sarà più vivace e non disdegnerà di bagnarsi o di correre se c’è vento. Al contrario, un cane di taglia piccola o con pelo raso risentirà di più dell’arrivo del freddo: potrebbe diventare più pigro, restio ad uscire e manifestare disagio con tremori muscolari utili fisiologicamente a innalzare la temperatura corporea. In particolare, i cuccioli o i cani anziani hanno più difficoltà a mantenere costante la temperatura corporea  e per il freddo possono rischiare l’ipotermia o nei casi estremi la morte.

 

Qualche consiglio per aiutare i nostri amici

Cosa fare, dunque, per affrontare al meglio l’inverno con Fido? Possiamo dotare i più freddolosi di cappottini impermeabili e cucce coibentate se dormono all’aperto. Ricordiamo anche di asciugare bene il loro pelo quando rientrano dalle passeggiate poiché l’umidità aumenta la dispersione di calore rendendo il freddo più pungente e pericoloso. Inoltre, è preferibile portarli a spasso nelle ore centrali della giornata (quelle meno fredde) optando per uscite più frequenti e brevi. Evitiamo anche di sottoporre i nostri amici a sbalzi di temperatura tra interno ed esterno se non vogliamo che abbia tosse o scoli nasali per raffreddamento. E se nevica non dimentichiamo che molti cani hanno zampe particolarmente delicate: il sale usato per evitare che le strade ghiaccino irrita la loro pelle, in questi casi non è una cattiva idea l’uso delle scarpette.

 

Photo Credits: Elena Shamilova