#SosLupo: Salviamo il Lupo!

La Conferenza Stato-Regioni vuole autorizzare l’uccisione “legale” di un massimo di 60 lupi l’anno. E’ quanto contenuto nel “Piano di conservazione e gestione del lupo in Italia” attualmente in discussione al Ministero dell’Ambiente con le Regioni, in un contesto in cui già centinaia di lupi vengono brutalmente uccisi dal bracconaggio con il fucile, bocconi avvelenati o lacci di filo metallico.

#SosLupo FIRMIAMO LA PETIZIONE SU CHANGE.ORG
FIRMA LA PETIZIONE SU CHANGE.ORG

Chiediamo al Ministro dell’ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, Gian Luca Galletti, e al Presidente della Conferenza delle Regioni, Stefano Bonaccini, di non concedere le deroghe al divieto di rimozione di lupi dall’ambiente naturale prevista nel Piano che sarà discusso nella seduta del comitato paritetico il prossimo 16 febbraio ed approvato dalla Conferenza Stato – Regioni entro il mese di marzo.

Il lupo è una specie particolarmente protetta da leggi nazionali ed internazionali per l’enorme impatto che ha avuto la sua storica persecuzione da parte dell’uomo. La specie è oggi in evidente ripresa, ma non può essere ritenuta fuori pericolo nel territorio nazionale a causa della persistenza di minacce quali l’ibridazione con il cane, il bracconaggio, le collisioni con veicoli e malattie come il cimurro.

La bozza del Piano di conservazione e gestione del lupo in Italia, nella sua ultima versione, prevede deroghe al divieto di rimozione di lupi dall’ambiente naturale, con la possibilità di autorizzare l’abbattimento legale del 5% della popolazione del lupo stimata oggi in Italia.

Se il Piano sarà approvato nella versione attuale 60 lupi potranno essere abbattuti ogni anno legalmente nel nostro paese, in un contesto in cui già centinaia di lupi vengono brutalmente uccisi dal bracconaggio con il fucile, bocconi avvelenati o lacci di filo metallico. Almeno 300 lupi sono così uccisi ogni anno dal bracconaggio e se si aggiungono le morti accidentali per investimenti stradali si stima già oggi nel nostro Paese una mortalità causata direttamente dall’uomo tra il 15 – 20% della popolazione, considerando una popolazione minima stimata di 1200/1500 lupi, comprendendo sia popolazione appenninica che alpina.

FIRMA ANCHE TU: #SOSLUPO!
FIRMA LA PETIZIONE SU CHANGE.ORG

Fonte: WWF.it